Crisi aziendali in Veneto: ore di cassa integrazione aumentate del 38% rispetto al 2009

La crisi economica sta mettendo in ginocchio le aziende del nostro Paese e in Veneto aumentano le imprese che si arrendono alla crisi. L’aumento delle crisi aziendali colpisce la salute e il dinamismo imprenditoriale del tessuto economico regionale e coinvolge direttamente i lavoratori. Crescono in Veneto nei primi dieci mesi di quest’anno le ore di cassa integrazione autorizzate dall’Inps con livelli anche più alti del 2009, il periodo nero del mercato del lavoro regionale.

Scarica la scheda Cassa integrazione in Veneto Gennaio-Ottobre 2012

Con oltre 81 milioni di ore (81.069.523) autorizzate dall’Inps nel periodo compreso tra gennaio e ottobre del 2012, il Veneto è la terza regione nella classifica nazionale per ammontare di ore di cassa integrazione richieste dalle aziende. Con il 9% di ore richieste sul totale nazionale, il Veneto si posiziona dopo Piemonte (13% di ore autorizzate sul totale) e Lombardia (22%). Osservando inoltre l’aumento delle ore autorizzate dall’Inps rispetto al 2009, periodo nero del mercato del lavoro regionale, la situazione per il tessuto economico veneto diventa ancora più critica.

Incidenza ore autorizzate CIG su totale nazionale, gennaio-ottobre 2012 – valori percentuali
Fonte: elaborazioni Officina Veneto su dati Inps

Infatti è sconfortante il fatto che la richiesta di ore di cassa integrazione da parte delle aziende venete sia aumentata di quasi il 38% rispetto al 2009, con una crescita decisamente più accelerata di ore richieste dalle aziende lombarde (-4,9%) e piemontesi (-12,3%). Ciò mette in luce una reale difficoltà delle imprese in Veneto, forse ancor più accentuata di quanto non fosse nel 2009.

Le criticità presenti nel panorama economico e occupazionale del Veneto emergono chiaramente osservando le dinamiche degli ultimi quattro anni, in cui, a parte una leggera «pausa» a cavallo del 2010, il numero dei disoccupati e le ore di cassa integrazione richieste dalle aziende, aumentano quasi di pari passo.

Ore autorizzate CIG gennaio-ottobre e andamento disoccupati in Veneto – valori assoluti
Fonte: elaborazioni Officina Veneto su dati Inps

Cambia nel tempo anche la configurazione della tipologia di cassa integrazione richiesta in relazione soprattutto all’inasprirsi delle difficoltà economiche e soprattutto del prolungamento nel tempo delle crisi aziendali.

Tipologia CIG periodo gennaio-ottobre – valori assoluti
Fonte: elaborazioni Officina Veneto su dati Inps

Diminuisce in quattro anni il numero di ore richieste di cassa integrazione ordinaria, che dopo il boom del 2009 cala, raggiungendo circa quota 24 milioni. Ad aumentare con decisione dal 2009,  sono la CIG straordinaria e quella in deroga che raggiungono il picco nel 2010 per diminuire nei due anni successivi anche se con volumi decisamente maggiori rispetto alla casa integrazione ordinaria ed evidenziando quindi tutta la difficoltà che le piccole e medie imprese venete stanno affrontando.

È evidente a questo punto che la crisi sta assumendo caratteristiche sempre più strutturali: oltre alla tipologia di intervento straordinario, le aziende sono costrette a richiedere con sempre maggior frequenza ore di CIG in deroga, a fronte di una diminuzione sostanziale di quella ordinaria.