Aumenta la disoccupazione in Veneto, cittadini sempre più pessimisti

Il tasso di disoccupazione in Italia secondo gli ultimi dati dell’Istat a settembre 2012 sfiora il 10% (9,8%) e aumenta su base annuale del 2,1%. Anche il Veneto, per quanto riguarda il mercato del lavoro, deve fare i conti con una situazione difficile e che raramente in passato si era palesata con tanta chiarezza e forza: il tasso di disoccupazione aumenta costantemente in un anno e i cittadini vedono con sempre più pessimismo le possibilità occupazionali che oggi il tessuto economico regionale è in grado di offrire.

Scarica la scheda sul Tasso di disoccupazione in Veneto a settembre 2012

A settembre 2012 il tasso di disoccupazione in Veneto si attesta al 6,3% con un incremento annuale di quasi 2 punti percentuali (+1,8%). Nonostante il Veneto mantenga livelli di disoccupazione inferiori alla media italiana (9,8%), si posiziona al terzo posto nella classifica nazionale.

In testa alla classifica delle regioni italiane rimane il Trentino Alto Adige che continua a registrare le performance migliori del Paese con il tasso di disoccupazione più basso (pari al 5%). Tuttavia anche in Trentino le difficoltà occupazionali aumentano rispetto a settembre dell’anno scorso (+1,6%). Al secondo posto invece si posiziona il Friuli Venezia Giulia che risulta migliore del Veneto grazie a un tasso di disoccupazione inferiore (6,1%), ma con un incremento annuale più rapido del competitor veneto.

Tasso di disoccupazione al III trim 2012 – Valori in %
Fonte: elaborazioni Officina Veneto su dati Istat

Osservando le dinamiche del tasso di disoccupazione in Veneto dal 2009, è possibile osservare un incremento maggiore e costante soprattutto da settembre 2011, quando la disoccupazione ha iniziato ad aumentare senza dare particolari segni di miglioramento. A settembre di quest’anno il tasso di disoccupazione supera anche i valori del 2009, quando il mercato del lavoro regionale toccò il punto più basso, e nonostante il leggero ribasso rispetto ai tre mesi precedenti, le prospettive per fine 2012 sembrano essere abbastanza negative.

Disoccupazione, serie storica trimestrale – Valori %
Fonte: elaborazioni Officina Veneto su dati Istat

I cittadini veneti infatti giudicano la qualità del mercato del lavoro in netto peggioramento rispetto all’anno scorso. Se il punteggio ottenuto dall’indicatore di percezione sulla qualità del mercato del lavoro, elaborato da Officina Veneto su dati di SWG e Plancia©, risulta essere migliore rispetto alla media nazionale, il mercato del lavoro regionale viene però visto sempre più in negativo (-16,3% rispetto al 2011).

Qualità generale del mercato del lavoro
Indicatore di percezione su scala 0-100 e Var. % con 2011
Fonte: elaborazioni Officina Veneto su dati SWG e Plancia(c)

Inoltre, il mercato del lavoro in Veneto sembra soffrire di più rispetto a quello del resto del nord Italia in cui il peggioramento, pur presente, è di entità sicuramente inferiore a quello percepito in Veneto.