Competere in rete, in Veneto è sempre più una realtà

L’export veneto sta rallentando. Dagli ultimi dati Istat, a settembre 2012 la crescita delle esportazioni del Veneto si ferma a +0,6% su base annuale. Mai come ora emerge quindi l’importanza di «sovradimensionare» per essere competitivi, andando oltre i distretti industriali, ormai in crisi. Con gli effetti della crisi economica e finanziaria, le reti di impresa, più flessibili e dinamiche, portano le aggregazioni di impresa oltre i distretti, dando loro una forma più adatta alla volatilità dell’economia globale odierna. In Veneto, emerge dai dati, le imprese sembrano accorgersi con sempre maggior consapevolezza dell’importanza di «fare squadra» per essere competitive.

collaborare

Scarica la scheda sui contratti di rete

In Veneto sono 238 le imprese (comprese anche le Fondazioni e le Associazioni) che aderiscono a un Contratto di rete. Si tratta dell’8,5% sul totale delle oltre 2.800 aziende che in Italia hanno aderito a una rete. In testa alla classifica c’è la Lombardia che rappresenta la regione con la maggior incidenza di aziende che adottano questo nuovo strumento per fare squadra (23% sul totale nazionale).

Rispetto al 2011 (cioè a circa un anno dalla definizione della legislazione nazionale sul Contratto di rete), possiamo vedere in Veneto un aumento costante del numero delle reti di impresa. Se nel 2011 le imprese coinvolte in almeno un contratto di rete erano 103, a novembre 2012 il numero di soggetti in Veneto che hanno stipulato un contratto di rete, sale a 238: +135 in quasi un anno.

I dati dal 2011 quindi delineano una situazione in crescita nel «fare squadra» delle imprese Venete. Inoltre, anche nel periodo compreso tra maggio e novembre 2012, possiamo assistere ad un aumento del 49,7% dei soggetti che aderiscono ad almeno un contratto di rete. Siamo di fronte quindi ad una presa di consapevolezza delle imprese venete che, evidentemente, si rendono conto dell’importanza di collaborare per essere competitive. È inoltre un tasso di crescita destinato probabilmente ad aumentare (visto che i dati disponibili si fermano a novembre 2012), ma che rimane comunque inferiore a quello di Lombardia (+53,8%%) ed Emilia Romagna (61,7%) (considerando le regioni competitors del Nord Italia).

Lo stimolo a mettersi in rete per le imprese venete, emerge anche se osserviamo i dati a livello provinciale. Infatti, il Veneto compare tra le prime 10 province italiane per numero di imprese che hanno sottoscritto contratti di rete. Nello specifico è la provincia di Verona ad apparire nella top 10 dei contratti di rete che con 84 imprese aderenti a contratti di rete conquista il 9° posto.

Emerge quindi dai numeri che, nonostante le cifre siano ancora distanti dalle provincie sul podio (Milano, Firenze e Lucca), le imprese in Veneto cominciano ad usare in modo più consistente lo strumento del contratto di rete.