Lavoro giovanile: timidi segnali di ripresa?

La disoccupazione giovanile in Veneto nel 1° trimestre 2013 è scesa di oltre 5 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Potrebbe essere l’inizio di un nuovo trend per il lavoro in Veneto, anche se bisogna tenere conto che l’analisi trimestrale può nascondere oscillazioni di natura prettamente statistica e non di sistema. In contrasto alla diminuzione della disoccupazione, si riduce infatti anche il tasso di occupazione giovanile che rimane di 6 punti percentuali più elevato del livello medio nazionale. Il numero di giovani occupati in regione è di poco superiore alle 100 mila unità, 23 mila in meno rispetto a quanti se ne contavano nella prima parte del 2012, e 1.500 in meno nel confronto con la fine dell’anno scorso. I trimestri prossimi ci permetteranno quindi di capire se effettivamente si sta muovendo qualcosa, o magari la diminuzione dell’occupazione non sia legata ad uno scoraggiamento complessivo dei giovani, che rinunciano a cercare lavoro.

Scarica la scheda