Crisi in Veneto: Pil in calo fino al 2012, buone prospettive per il 2013

PIL reale, anno 2011 e previsioni per il 2012
Fonte: elaborazioni OV su dati Prometeia

Nel 2011 il Pil del Veneto è cresciuto dello 0,6% rispetto all’anno precedente. Per il 2012 si prevede una nuova contrazione dell’1,5%. Nel 2009 il Veneto è stato colpito pesantemente dalla crisi e il Pil reale ha subito un calo del 5,3% per poi vedere un ripresa più decisa per il 2010.

Serie storica del PIL reale
Fonte: elaborazioni OV su dati Prometeia e C. Europea

CRISI E RIPARTENZA NEL 2010. Nel 2010 si assiste ad un effettivo miglioramento del Pil con una dinamica in crescita (+3,2%) che lo porta al di sopra della media nazionale (+1,8%) e lo vede inoltre primeggiare sulle altre regioni del Nord Est e sul miglior competitor nord occidentale, la Lombardia (+2,4%). Il Veneto inoltre nel 2010 ha ritmi di crescita simili a paesi europei come la Germania e realizza un aumento del Pil più consistente anche rispetto alla media UE (a 15 paesi), con uno scarto superiore al punto percentuale. Prometeia prevede per il 2013 un possibile miglioramento del prodotto interno lordo dopo il calo stimato nel 2012 (vedi grafico).

Percezione della salute imprenditoriale
Fonte: indagini SWG agli imprenditori

LA PERCEZIONE: IMPRENDITORIALITÀ VENETA POCO DINAMICA. La percezione che gli imprenditori hanno sulle possibilità del “fare impresa” e quindi sul dinamismo imprenditoriale presente sul territorio, è piuttosto negativa. Il punteggio ottenuto dal Veneto a luglio 2011, per quanto riguarda l’indicatore sulla salute e il dinamismo imprenditoriale elaborato da SWG, non raggiunge i trenta punti su cento (28,5) ed è il più basso del resto d’Italia.

SCARICA LA SCHEDA CRESCITA ECONOMICA Anno 2011