IMU: oltre il 41% degli euro versati in Veneto sono per lo Stato

Ammonta ad oltre 845 milioni di euro il totale versato dai contribuenti veneti con la prima rata dell’IMU: ma ben il 41% andrà (e rimarrà) a Roma, con le inevitabili conseguenze per i servizi erogati dai Comuni ai propri cittadini.

Prima rata IMU nelle province venete
Fonte: Elaborazioni OV su dati Ministero del Tesoro

Con la prima rata dell’IMU, il Veneto, su oltre 845 milioni di euro, ha mandato a Roma quasi 348 milioni che corrispondono a più del 41% di risorse potenzialmente riutilizzabili per garantire  servizi pubblici ai cittadini dei comuni veneti. Nella provincia di Verona la fuoriuscita maggiore di risorse con oltre 70 milioni di euro alle casse delle Stato su di un totale di quasi 167 milioni.

I cittadini residenti in Veneto hanno rinunciato a quasi 70 euro (5 euro pro-capite in più rispetto alla media nazionale) sui 171 versati complessivamente allo Stato con l’IMU. Minore invece il contributo dei comuni di Calabria e Basilicata che dirottano allo stato 36 euro per persona.

È evidente che il prelievo dalle casse comunali di parte dell’IMU ha influito e sta tuttora influendo, sulle possibilità che ogni residente avrà di beneficiare di buoni servizi pubblici a livello comunale.

Importo pro-capite versato allo Stato attraverso la prima rata dell’IMU
Fonte: Elaborazioni OV su dati Ministero del Tesoro

SCARICA LA SCHEDA IMU Anno 2012