Impresa giovanile: il Veneto agli ultimi posti

Tra le principali novità del Decreto Crescita approvato dal Consiglio dei Ministri, viene data molta importanza alle imprese start up con l’obiettivo di dare nuovi stimoli all’imprenditoria giovanile. In effetti i giovani imprenditori oggi, soprattutto in Veneto, sono sempre di meno e lo spirito imprenditoriale sembra affievolirsi anche a causa delle numerose difficoltà presenti nel nostro Paese per avviare un’impresa. Il rischio di uno scarso ricambio generazionale mette in serio pericolo la sopravvivenza di un tessuto imprenditoriale regionale sempre più vecchio e sempre più in balia della recessione.

Veneto poco incline all’imprenditoria giovanile: al 18 posto nella classifica nazionale.

Osservando i dati relativi al II trimestre del 2012 infatti gli amministratori e i titolari di impresa under 30 sono in calo del 17% in cinque anni e rappresentano solo il 4% sul totale degli imprenditori (senza alcuna distinzione di età).

Amministratori e titolari di impresa under 30
Fonte: Elaboraizioni OV su dati Infocamere

Anche per quanto riguarda il tasso di imprenditorialità giovanile, il Veneto è agli ultimi posti dopo Lazio e Friuli Venezia Giulia, con solo 34 giovani amministratori e titolari di impresa under 30 su mille residenti della stessa età.

Tasso di imprenditorialità giovanile per amministratori e titolari under 30
Fonte: Elaborazioni OV su dati Infocamere

A livello provinciale (dati nella SCHEDA scaricabile anche dal link in basso) solo Rovigo si posiziona nella parte alta della classifica nazionale per tasso di imprenditorialità giovanile. Il resto delle province venete invece rimane sotto la metà della graduatoria.

SCARICA LA SCHEDA IMPRENDITORIA GIOVANILE II trim 2012