Il Veneto è la regione che ha ridotto di più le spese nel 2011: -10%

leone(78)La spesa complessiva delle Regioni a statuto ordinario nel 2011 supera i 130 miliardi di euro, in flessione dell’1,7% rispetto al 2010. Nell’ultimo anno, il Veneto è la regione che ha ridotto maggiormente le uscite, con una diminuzione degli impegni vicina al 10%, attestandosi ad un ammontare di impegni di spesa ben al di sotto degli 11 miliardi di euro, su livelli più bassi del 2007. Il 94% della spesa della Regione Veneto è destinata alle uscite correnti (personale, acquisti di beni e servizi, interessi), mentre appena il 5% si riferisce alle spese in conto capitale (tra le quali rientrano gli investimenti).

Il Veneto nel 2011 resta stabilmente all’ultimo posto nella classifica della spesa regionale per abitante. Nel 2011, il valore degli impegni di spesa della Regione Veneto in rapporto agli abitanti (2.109 euro), è inferiore di oltre 400 euro (quasi un quinto in meno) rispetto alla media delle Regioni a statuto ordinario. Il livello di spesa della Regione Veneto risente del peso della sanità, funzione che assorbe il 77% del bilancio (a fronte di una media RSO pari al 74,2%). In linea generale, la Regione Veneto destina alle altre funzioni una percentuale di risorse inferiore alla media delle Regioni ordinarie perché gran parte è destinata alle misure per l’assistenza sociale, il lavoro e la previdenza (8,9%, la media è appena 2,6%). L’allocazione delle spese della Regione Veneto manifesta poi una minore incidenza delle uscite per l’amministrazione generale: 3%, contro il 4,3% complessivo.

Scarica la scheda della spesa delle Regioni nel 2011